Viaggio tra le opere dell'Alte Pinakothek - itMonaco

itMonaco

Arte

Viaggio tra le opere dell’Alte Pinakothek

Alte Pinakothek

La Vecchia Pinacoteca di Monaco di Baviera è uno dei musei d’arte più importanti della capitale bavarese e raccoglie al suo interno una delle collezioni di pittura più prestigiose a livello mondiale. Nonostante sia meno conosciuta rispetto al Louvre di Parigi, non per questo è meno blasonata. Custodisce al suo interno una gran quantità di quadri, tra cui opere di immenso valore storico e culturale, dal XIV al XVIII secolo. Insieme alla Neue Pinakothek, alla Pinakothek der Moderne e al Museo Brandhorst, forma il cosidetto Kunstareal, il quartiere dell’arte di Monaco di Baviera, un vero e proprio “paradiso terrestre” per gli amanti della pittura.

Alte Pinakothek Entrata

L’eredità artistica e culturale dei Wittelsbach

L’Alte Pinakothek nacque dall’idea del principe elettore Maxmilian I che, all’inizio del 1600, fece realizzare una Kammergallerie (galleria d’arte) all’interno del palazzo reale dei Wittelsbach, la Residenz. Inizialmente questa “collezione di famiglia” custodiva i quadri che il suo bisnonno, Wilhelm IV, aveva, nel corso degli anni, acquistato: opere di Dürer e di altri pittori tedeschi del ‘500. Successivamente, nel 1689, il principe elettore di Baviera Max Emanuel, figlio di Enrichetta Adelaide di Savoia, amatissima duchessa di Baviera, acquistò ben 101 opere di maestri fiamminghi, tra cui molti quadri di Rubens, con grande dispendio economico per le casse reali: ci vollero circa 80 anni per ripagare tutte le opere acquistate!

Da collezione di famiglia a Pinacoteca

É nella prima metà dell’800 che, grazie alla forte spinta culturale e di rivalutazione artistica della città che diede il re Ludwig I, nonno del più famoso e controverso Ludwig II, la collezione dei Wittelsbach divenne una vera e propria galleria d’arte a disposizione di tutti i sudditi. Il Re, infatti, influì molto nel far diventare Monaco uno dei centri culturali ed artistici d’Europa e, in tale ottica, tra il 1826 e il 1836, anno della sua inaugurazione, fu costruito l’edificio che doveva custodire e rendere fruibile ai sudditi la magnifica collezione di famiglia dei principi bavaresi: nasce l’Alte Pinakothek. Ludwig I non si limitò, tuttavia, a far costruire l’edificio che avrebbe ospitato i quadri che, nel corso di 400 anni, i suoi avi avevano acquistato; è sotto il suo regno, infatti, che la collezione si arricchisce di tante altre opere di immenso valore: egli acquistò la Madonna Tempi di Raffaello e numerosi quadri di altri grandi pittori italiani come Giotto, Tiziano e Leonardo.

I grandi capolavori di Alte Pinakothek

La galleria d’arte è divisa in 19 sale e 47 stanze e custodisce circa 700 quadri, tra cui opere di immenso valore e fama mondiale dei più grandi pittori tedeschi, francesi, olandesi, italiani, fiamminghi e spagnoli. Degni di nota sono:

  • Giudizio Universale di Rubens
  • Quattro Apostoli di Dürer
  • Deposizione di Rembrandt
  • Madonna del garofano di Leonardo da Vinci
  • Incoronazione di Spine di Tiziano
  • Sacra Famiglia Canigiani di Raffaello
  • Ultima Cena Giotto
  • Adorazione dei Magi di Giovan Battista Tiepolo
  • Madame de Pompadour di Francois Boucher
  • Autoritratto di Antoon Van Dyck
Alte Pinakothek - Giotto Ultima Cena

Informazioni utili per visitare l’Alte Pinakothek

Indirizzo:

  • Alte Pinakothek
    Barer Straße 27
    80333 München

    Orari di apertura:
  • da mercoledì a domenica: dalle ore 10.00 alle 18.00
  • martedì: dalle 10 fino alle ore 20.00
  • lunedì: il museo è chiuso, tranne nei giorni festivi

Prezzo d’ingresso, riduzioni, visite guidate:

  • La domenica, l’ingresso in tutti e quattro musei del “Kunstareal” (vedi sopra) costa solo 1 Euro.
  • Se, durante la settimana, volete visitare più di un museo del “Kunstareal” in una giornata, conviene acquistare un biglietto giornaliero speciale che vale per tutti e quattro musei.
  • Per informazioni aggiornate su prezzi e visite guidate: www.pinakothek.de

Come arrivarci:
Si consiglia l’uso dei mezzi pubblici che a Monaco sono molto efficienti.

  • Tram:
    n° 27 – fermata Pinakotheken
  • Metropoliana:
    U2 – fermata Königsplatz o Theresienstraße
    U3, U6 – fermata Odeonsplatz o Universität
    U4, U5 – fermata Odeonsplatz
  • Bus:
    n° 100 (la linea dei musei) – fermata Pinakotheke
Viaggio tra le opere dell’Alte Pinakothek ultima modifica: 2020-11-18T17:56:00+01:00 da Pierfrancesco Pranno

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x